ESONERO VERSAMENTI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI PER LE AZIENDE DEL TERZIARIO, L’EBITER RAGUSA PRECISA: “SOLO PER QUELLE IMPRESE CHE NON HANNO RICHIESTO NUOVAMENTE LA CIG”

logo ebt rg

L’Ente bilaterale del terziario di Ragusa comunica alle imprese di settore dell’area iblea che potranno essere esonerati dal versamento dei contributi previdenziali tutte le aziende che non hanno richiesto nuovi interventi di Cig

 

 

Esonero dal versamento dei contributi previdenziali per le aziende che non richiedano i nuovi interventi di integrazione salariale, vale a dire la Cig, di cui all’articolo 1 del D.L. n. 104/2020. E’ quanto prevede l’articolo 3 del D.L. n. 104/2020, convertito, con modificazioni, dalla Legge n. 126/2020. E’ l’Ente bilaterale del terziario di Ragusa a comunicarlo alle imprese iblee del settore sottolineando che i datori di lavoro interessati, prima di procedere ad utilizzare l’esonero, dovranno richiedere l’attribuzione di un apposito codice di autorizzazione “2Q” all’Inps indicando: le ore di integrazione salariale fruite dai lavoratori nei mesi di maggio e giugno 2020 riguardanti la medesima matricola; la retribuzione globale che sarebbe spettata ai lavoratori per le ore di lavoro non prestate; la contribuzione piena, a carico del datore di lavoro, calcolata sulla retribuzione di cui al punto precedente; l’importo dell’esonero.

L’istituto previdenziale, ai fini del calcolo dell’effettivo ammontare dell’esonero, precisa che lo stesso è pari al doppio delle ore di integrazione salariale già fruite nei mesi di maggio e giugno 2020, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’Inail, e che la retribuzione persa nei mesi di maggio e giugno 2020, da utilizzare come base di calcolo per la misura dell’esonero, deve essere maggiorata dei ratei di mensilità aggiuntive. Inoltre, ai fini della determinazione della misura, occorre tenere conto dell’aliquota contributiva piena astrattamente dovuta e non di eventuali agevolazioni contributive spettanti nelle suddette mensilità. Un’opportunità molto interessante per tutte le imprese del settore. L’effettivo ammontare dell’esonero fruibile, calcolato sulla base del doppio delle ore di integrazione salariale già fruite nei mesi di maggio e giugno 2020, non potrà superare la contribuzione datoriale dovuta nelle singole mensilità in cui ci si intenda avvalere della misura, per un periodo massimo di quattro mesi. Tutto ciò fermo restando che l’esonero potrà essere fruito anche per l’intero importo sulla denuncia relativa ad una sola mensilità, ove sussista la capienza. Infine, Ebiter Ragusa precisa che l’Inps sottolinea che, qualora il datore di lavoro decida di accedere all’esonero per la durata del periodo agevolato, non potrà avvalersi di eventuali ulteriori trattamenti di integrazione salariale collegati all’emergenza da Covid-19, salvo quanto previsto al paragrafo 6 della circolare n. 105/2020, ossia nel caso in cui gli ulteriori trattamenti di integrazione salariale riguardino una diversa unità produttiva.

 

 

 

 

  Ebiter Ragusa 

 

Condividi:
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email
Share on print